Triplo bug nei sistemi di gestione SD-WAN di Cisco - Hack Mur@Z

Breaking

sabato, marzo 21, 2020

Triplo bug nei sistemi di gestione SD-WAN di Cisco

CiscoLe vulnerabilità interessano il sistema di controllo per le reti software-defined. I pirati potrebbero inviare comandi con privilegi di root.

L’allerta arriva direttamente da Cisco, che nel rilasciare la nuova versione 19.2.2 della sua soluzione per SD-WAN (reti software-defined – ndr) ha pubblicato un avviso con il quale sollecita i suoi utenti a procedere senza indugi all’aggiornamento.
Le vulnerabilità interessano i prodotti Cisco vBond Orchestrator Software; vEdge 100 Series Routers; vEdge 1000 Series Routers; vEdge 2000 Series Routers; vEdge 5000 Series Routers; vEdge Cloud Router Platform;  vManage Network Management System e vSmart Controller Software.
Le tre falle di sicurezza (CVE-2020-3264; CVE-2020-3265 e CVE-2020-3266) permetterebbero a eventuali attaccanti di operare in locale superando i controlli del sistema.
Nel dettaglio, la prima vulnerabilità (CVE-2020-3264) permetterebbe a un utente locale non autenticato di accedere ai sistemi SD-WAN e modificarne le impostazioni. La seconda (CVE-2020-3265) permette invece di elevare i privilegi fino a root.
La più grave, però, è l’ultima. La falla di sicurezza (CVE-2020-3266) consente infatti di iniettare singoli comandi che verrebbero eseguiti con i privilegi di root. Per farlo, un eventuale pirata informatico dovrebbe però agire in locale ed essere autenticato.
Il vero problema, però, riguarda un uso combinato delle tre vulnerabilità o la possibilità che un pirata informatico sfrutti questi bug in una catena che utilizza bug di altri prodotti o in uno scenario in cui ha già infiltrato la rete.
Nel suo advisor, Cisco specifica che non ci sono possibilità di correggere le falle di sicurezza attraverso modifiche di impostazioni. L’unica soluzione è quella di applicare quanto prima l’aggiornamento.
Fonte: securityinfo.it

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento